CONVENZIONI (oltre 90 Enti):

ENTE MUTUO COMMERCIANTI – UNISALUTE (Fondo EST)

 

FASI – FASDAC – PREVIMEDICAL–ATM–A2A–BancoPosta

 

Altri Enti su “Enti Convenzionati” in Materiale Informativo

 

 

 

 

 

News & Eventi

CONTROLLI A TARIFFE RIDOTTE (programma 2014)

RISONANZA MAGNETICA APERTA - TC DENTALE CONE-BEAM 3D

Leggi tutto »»

 

Ecografia Peniena

Che cos’è
     E’ una tecnica diagnostica non invasiva, assolutamente priva di rischi, basata sull’impiego di ultrasuoni che sono emessi da un generatore elettrico, trasmessi da una sonda e riflessi dalla diversa densità dei tessuti creando degli echi, la cui rappresentazione grafica costituisce l’immagine ecografia dei tessuti esplorati, in questo caso il pene.
     Esistono apparecchiature moderne molto sofisticate che permettono di ricavare informazioni anche sul flusso del sangue nei diversi distretti esplorati (ecocolordoppler).

Indicazioni
     L’ecografia del pene è indicata in alcune condizioni cliniche come la presenza di calcificazioni, incurvamento abnorme, alterazioni di struttura; inoltre, nel sospetto di impotenza da cause fisiche o circolatorie, l’ecografia con color doppler viene effettuata per valutare lo stato delle arterie del pene e il grado di flusso sanguigno nel loro interno meglio se dopo un’iniezione nel pene (con un piccolissimo ago) di un farmaco che induce una erezione (fase dinamica).

Come si esegue
     Il soggetto da esaminare si distende supino sul letto. Il medico radiologo spalma un gel conduttore sulla superficie cutanea del pene, quindi, muovendo la sonda, studia e registra le immagini più rappresentative.
     L’ecografia dell’addome richiede circa 15 minuti, un po’ di più per l’ecografia peniena dinamica; terminata l’ecografia e rimosso il gel, non si devono seguire prescrizioni particolari e si possono riprendere immediatamente le normali attività. Preparazione
     Questo esame non richiede alcuna preparazione.